Messaggi da lontano #01


Ad un mese dalla pubblicazione del progetto “dove tu non sei” eccomi a pubblicare i messaggi che ho inviato da luoghi che sono stati reali per me e che oggi appaiono distanti. Su questo senso di lontananza ho cercato di edificare un ponte che è un abbraccio. Le loro risposte sono contenute nel testo che accompagna il progetto e che è scaricabile dal sito. Questo è il mio messaggio per Azzurra Immediato.

Ciao Azzurra,

eccomi ad inviarti la cartolina che ho scelto per te.

Nonostante tu sia stata la prima persona a cui ho pensato nel momento in cui ho partorito questo progetto, ho avuto un’enorme difficoltà a scegliere il luogo da cui inviarti la cartolina.

Alla fine ho deciso di inviartela dal luogo che più di tutti mi manca in questo momento, da quel luogo che è ormai casa da tre anni e che allo stesso tempo, ogni volta che ci vado è sempre nuovo. Diverso.

Quello che vedi è un giardinetto di una pizzeria che si trova nel complesso abitativo, a Laax, Svizzera, dove abbiamo (io e Leonardo) un appartamento. 

Come per te, sto inviando a tutte le persone che ho coinvolto per il progetto dove tu non sei, un breve testo che descrive dove, come e quando ho realizzato la foto scelta per loro.

Ci sono solo due immagini che a mio parere non necessitano di una collocazione geografica e di dettagli descrittivi. Questa è una di quelle.

Mi manca realmente l’idea di poter prendere un treno per raggiungerti a Bologna e consegnarti quella foto che ho stampato per te.

Ti sono infinitamente grato per il supporto che in questi mesi hai dimostrato verso il mio lavoro e la mia persona (che poi sono una sola cosa).

Quindi è da qui che ti saluto, dal luogo dove io sono io, dal luogo dove trovo ristoro, dall’ultimo luogo dove sono stato prima di essere imprigionato in questa quarantena e dove mi piacerebbe portarti un giorno.

Saluti da Laax.

Un abbraccio.

Fabio.

Condividi sui social